Assicurazioni autocarro: guida ai termini più comuni

assicurazione autocarro

assicurazione autocarroMassimale, capitale assicurato, franchigia e rivalsa. Sono termini che spesso affollano i contratti di assicurazione autocarro. Ma sappiamo veramente di cosa si tratta? Quali sono i significati che si celano dietro a tali termini?

Cominciamo con il primo: il massimale. Il massimale (chiamato spesso anche “capitale di garanzia” in alcuni contratti di assicurazione autocarro), è l’importo massimo che la compagnia di assicurazione pagherà al proprio assicurato in caso di sinistro. Pertanto, qualora il danno fosse superiore al massimale di garanzia che viene indicato in polizza, l’importo eccedente rimarrà a carico dell’assicurato. Qualche esempio? Se il danno è di 5.000 euro e il massimale è di 10.000 euro, la società di assicurazione erogherà un indennizzo di 5.000 euro; se tuttavia il danno è di 15.000 euro, a fronte di un massimale di 10.000 euro, l’erogazione dell’indennizzo sarà pari proprio a 10.000 euro, con 5.000 euro a carico dell’assicurato.

Lo scoperto è invece un importo – calcolato in percentuale sull’ammontare del danno – che rimane a carico dell’assicurato. Se l’importo dovesse essere inferiore al minimo di scoperto indicato in polizza, a rimanere a carico dell’assicurato sarà proprio l’importo minimio. Nessun indennizzo verrà invece corrisposto all’assicurato dalla compagnia assicurativa, qualora l’importo del danno fosse uguale o inferiore al minimo scoperto.

Ancora, la franchigia è una somma che rimane a carico del soggetto assicurato in caso di sinistro, e che verrà quindi detratta dall’importo da liquidare. Infine, la rivalsa per la garanzia di responsabilità civile, è l’azione legale che la compagnia di assicurazione pone in atto nei confronti del soggetto assicurato per recuperare tutto o parte dell’importo pagato a terzi per sinistri non coperti dalla garanzia, o pagati nonostante la presenza di limitazioni di copertura (considerata l’impossibilità, per legge, di negare il risarcimento una volta accertata la responsabilità del soggetto assicurato).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *