Come richiedere un mutuo per la prima casa?

casa

casaUn mutuo per acquistare la prima casa può essere una faccenda complessa, che richiede dei tempi e soprattutto delle pratiche lunghe. Le giovani coppie, una persona che voglia acquistare la sua prima casa, può riscontrare dei problemi nell’ottenere un mutuo che glielo consenta.

Per quanto riguarda il tasso di interesse da pagare è possibile farsi una prima idea attraverso il calcolo interessi mutuo online.

E’ bene avere le nozioni necessarie per conseguire un mutuo, informarsi sulle modalità della richiesta per snellire questo processo e renderlo quanto più accessibile, semplice e comprensibile a chi vuole acquistare la sua prima casa.

Prima di tutto cerchiamo di capire quali sono i requisiti necessari alla richiesta di un mutuo.

Dovete sapere, in primis, che al momento di richedere un mutuo, la banca valuterà diversi fattori. L’età è un primo requisito e bisogna avere un’età minima di 18 anni ed un’età massima che verrà calcolata di caso in caso, dall’istituto bancario anche in relazione alla tipologia del prodotto.

Un altro requisito fondamentale ha a che vedere con la residenza. E’ necessario essere cittadini italiani, o europei, con residenza italiana, oppure cittadini stranieri ma residenti in Italia da almeno 3 anni.

Un altro requisito è quello economico: chi richiedere il mutuo deve essere in grado di pagarlo. Questo dettaglio non è un “dettaglio”, è assolutamente un aspetto principale nella valutazione della idoneità al mutuo da parte delle banche.

Tutte le verifiche che verranno fatte in seguito alla domanda di mutuo da parte delle banche, prendono il nome di “istruttoria”. La funzione di questi accertamenti è quella di dimostrare che il richiedente è idoneo a ricevere la somma richiesta ed ha capacità di restituire l’importo concordato entro il periodo previsto.

In questo caso il richiedente deve essere in condizione di dimostrare la propria capacità di credito e la possibilità di provvedere alla restituzione del denaro ricevuto dalla banca erogatrice. Questa valutazione si fa in base al reddito del richiedente e anche in base alle sue condizioni contrattuali.

Per richiedere il mutuo si dovrà compilare un’apposita domanda fornendo molte informazioni, che permettono all’istituto bancario di avere una prima panoramica sulle reali condizioni di fattibilità.

Se le conclusioni sono a favore del richiedente, si potrà procedere con la richiesta della documentazione specifica dove attestare informazioni di carattere anagrafico, il proprio reddito e dettagli sull’immobile.

Requisiti per ottenere un mutuo

I fattori che determinano la fattibilità di ricevere il mutuo sono diversi, fra essi:

  • il reddito netto del soggetto richiedente e del nucleo familiare estrapolato dalla documentazione fornita e dalla dichiarazione dei redditi;
  • il valore complessivo dell’immobile per il cui acquisto si richiede il mutuo;
  • la compresenza di ulteriori garanzie finalizzate alla richiesta e al perseguimento del mutuo.

Per ogni categoria di lavoratori vi sono diversi documenti da esibire:

  • i lavoratori autonomi sono chiamati a presentare l’estratto della Camera di Commercio, una copia del modello Unico e l’attestato di iscrizione all’albo di appartenenza se si svolge una professione;
  • i lavoratori dipendenti devono invece esibire le ultime due busta paga, il CUD ed una dichiarazione del datore di lavoro che confermerà la durata del servizio.

Una volta che si è esibita la necessaria documentazione, la banca potrà deliberare il finanziamento, rendendo nota al richiedente la data di stipula ufficiale suggellata da un atto notarile. Il finanziamento riceve così una ufficiale conferma e il richiedente deve iniziare a pagare le rate accordate nei tempi stabiliti dalla tipologia di mutuo richiesto.

La delibera pone un vincolo per la stipula dell’accordo entro un arco temporale preciso, che va dai tre ai sei mesi. Superato questo tempo, si riterrà necessario presentare una nuova domanda. E’ fondamentale rispettare la data di stipula perché la banca p otrebbe cambiare le proprie politiche di credito e le nuove condizioni potrebbero rendere l’ottenimento del prestito più costoso per il cliente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *