Lampade e lampadari per la casa

lampadari moderni

lampadari moderniUna buona illuminazione nella propria abitazione è fondamentale per assicurare una soddisfacente qualità della vita all’interno delle quattro mure domestiche. Lampadari e lampade con una corretta intensità e posizionati in punti strategici, sono senza dubbio essenziali per vivere al meglio.

La luce, oltre ad essere fondamentale per illuminare la casa, è anche una componente primaria d’arredo, capace di trasformare l’atmosfera di qualsiasi ambiente.

Pertanto è basilare saper scegliere i lampadari che meglio si adattano ai propri interni. Ecco i punti fondamentali da osservare al riguardo.

Arredare la casa con i lampadari

Oggi esistono differenti modi per illuminare la propria abitazione ed a tal proposito risulta vitale predisporre corretti punti luce, ricorrendo a lampadari e lampade adatti all’ambiente circostante.

Tra i più adoperati senza dubbio i lampadari a sospensione. Sono disponibili in numerose tipologie ed offerti a differenti prezzi, dai più economici ai più costosi.

Scegliere il lampadario che si combina perfettamente con la stanza non è affatto semplice, in quanto anche la forma, e quindi il lato estetico, riveste la sua importanza. È necessario che si sposi perfettamente con l’arredamento ed i colori del luogo dove andrà collocato.

Ad esempio, per superfici piuttosto ampie, diviene consigliabile fare ricorso a più punti luce pendenti dal soffitto. Uno dei punti fermi sul web per quanto riguarda i lampadari è www.idealuceonline.it/lampadari forse l’ecommerce più fornito e con i prodotti più originali.

Illuminazioni con lampade e faretti

Per illuminare una piccola parte di spazio della stanza, è utile il ricorso alle luci da comodino, note con il nome di abat-jour. Sono tantissime le tipologie disponibili e tra cui poter scegliere, da quelle  con forme classiche, alle più moderne con differenti aspetti e design.

Solitamente con le lampade da comodino, si adoperano lampadine con potenze non superiori ai 40 watt.

Molto utilizzate sono anche le lampade da tavolo, ideali per illuminare una scrivania da studio. In questo caso è opportuno adottare una illuminazione di almeno 60 watt e preferibilmente con luce che non affatichi troppo gli occhi.

Una categoria di accessori per illuminare la stanza è rappresentata anche dai faretti, ideali per fare luce soltanto su alcuni punti, come ad esempio librerie o guardaroba.

Si tratta di una tipologia di illuminazione che si caratterizza per non irradiare un forte fascio di luce,  attivata in modo automatico, come ad esempio, all’interno del guardaroba.

Tipologia di lampade

Sono diverse le tipologie di lampade tra cui poter scegliere per illuminare gli ambienti della propria abitazione. Oltre a quelle viste in precedenza, da sospensione e da tavolo, è possibile prediligere anche altre, come quelle da terra o da parete. La scelta dipende dallo spazio disponibile e dal gusto estetico di ognuno. In ogni caso occorre valutare, prima di concludere l’acquisto, quali sono quelle che si adattano meglio alle proprie esigenze.

Una tipologia di lampade che consideriamo a parte, è quella destinata alla stanza dei bambini.

Illuminare bene la stanza dei più piccoli è molto importante, in quanto i bimbi necessitano di una luce forte per soddisfare le loro esigenze di gioco e studio, e che inoltre li possa far sentire al sicuro nel loro ambiente.

A tal riguardo è sempre utile illuminare, anche la notte, la loro stanza, attraverso la dislocazione di opportuni punti luce, che non devono dare fastidio durante il riposo e nel contempo non essere impauriti dal buio.

Le forme di lampade per i bimbi sono di vario tipo e presentano forme raffiguranti i loro personaggi di cartoni preferiti o disegni di ambienti che li possano rassicurare, come ad esempio fiori e verdi prati.

Luce per esterni

Se l’abitazione presenta anche uno spazio esterno, come ad esempio un giardino o una terrazza, è necessario prestare la dovuta attenzione all’illuminazione di questi ambienti.

È possibile ricorrere a lampade da esterno, sia da parete oppure incassate per terra, ideali ad esempio nella bella stagione per illuminare il tavolo da pranzo.

Se si dispone di un giardino, è possibile anche ricorrere a faretti da incassare con il fascio di luce orientato verso opportuni punti, come ad esempio per illuminare piante e statue.

Impianto elettrico: consigli

Un corretto impianto elettrico risulta alla base per rendere funzionale i diversi punti luce da distribuire nell’abitazione.

Dopo aver stabilito il numero di punti luce che occorrono nella casa, è necessario programmare preventivamente sia la quantità di prese elettriche che di interruttori, in modo che siano di numero adeguato da collocare negli ambienti. È fondamentale per evitare futuri lavori ed interventi alle mura.

Il consiglio base da seguire al riguardo, è fissare almeno 2 prese elettriche a muro per ogni angolo di stanza e soprattutto nelle vicinanze di punti cruciali, quali ad esempio una scrivania o la zona relax della tv.

Diviene quindi importante scegliere un bravo elettricista che sia in grado di predisporre l’impianto e capace di prevedere la possibilità futura di apportare delle modifiche senza sconvolgere completamente il lavoro fatto.

È necessario anche stabilire correttamente la posizione degli interruttori.

Proprio a questi ultimi va dedicata la dovuta attenzione. Sul mercato ne esistono di varie tipologie. È possibile scegliere tra quelli illuminabili oppure tra i più comuni ed economici in plastica, o in altri materiali, come ad esempio legno e vetro.

Anche la forma ha la sua importanza, potendo preferire quelli con linee più morbide o più squadrate, dotati o meno di dimmer, questi ultimi dispositivi grazie a cui è possibile regolare l’intensità della luce.

Le lampadine

Infine uno sguardo alle lampadine, la cui offerta è davvero molto ampia.

Iniziamo dalle lampadine a incandescenza, ovvero quelle più comuni, che prevedono un consumo energetico  più elevato, oppure quelle alogene, che presentano una durata maggiore rispetto a quelle ad incandescenza, ma che non hanno, a differenza delle prime, una accensione immediata. Oppure è possibile optare per quelle a risparmio energetico, che come si intuisce dal nome, permettono di ridurre le spese delle bolletta elettrica.

Qualunque sia la scelta che viene presa, l’importante è verificare sempre la potenza di ogni lampada, per evitare pericolosi surriscaldamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *