Traslochi: l’imballaggio di quadri e cornici

cornici

corniciDurante il tuo trasloco sicuramente dovrai trasportare anche dei quadri che sono oggetti molto fragili, non solo il vetro ma anche tela e cornice. E’ molto importante quindi provvedere ad un imballaggio adeguato affinché non vengano danneggiati durante il trasporto.
Un trasloco richiede cura e attenzione soprattutto quando si tratta di trasportare oggetti delicati che rischiano di rompersi se non imballati scrupolosamente. In questo caso parliamo di quadri e cornici, ma di oggetti delicati ce ne sono quanti ne vogliamo, quanti ne abbiamo in casa, tra bicchieri, piatti, vasi, ceramiche, argenteria, dispositivi tecnologici ed elettronici.
Chi ha dovuto affrontare un trasloco può testimoniare che la maggiore difficoltà sta proprio nell’imballaggio di questi oggetti delicati. Una fase molto importante di come organizzare un trasloco  è proprio questa dell’imballaggio e di come fare affinché sia fatto come si deve.

Cosa ci serve per imballare i quadri?

Tra gli strumenti di “lavoro” nei nostri imballaggi servono i seguenti:
un rotolo di plastica con le bolle per attutire gli eventuali urti;
nastro adesivo per i pacchi;
della pellicola trasparente da imballaggio;
cartoni da mettere nei pacchi come rinforzo;
pluriboll, la plastica trasparente con le bollicine appropriata negli imballaggi perché assorbe gli urti. Si trova nei negozi di bricolage e fai da te venduta a fogli ripiegati.
Stendi il foglio di pluriboll a terra, ritaglialo di una superficie maggiore delle dimensioni del quadro che appoggi sul lato del vetro, rivolto verso il basso. Chiudi la carta come a confezionare un pacco, avvolgendolo due volte dal lato del vetro e fissalo con un po’ di scotch affinché il foglio resti fermo. L’imballaggio viene realizzato con della carta da pacchi.
Stendi a terra il foglio di carta da pacchi che avvolgerà il quadro, avendo cura di fare un paio di giri con il nastro adesivo affinché sia protetto. Attorno agli spigoli del quadro metti del pluribol che li protegga poiché sono le parti che possono danneggiarsi più facilmente. Per trasportare i quadri utilizza uno scatolone rigido delle giuste dimensioni per non farli urtare. Posizionalo al suo interno per il lato più corto, le facce vanno messe l’una di fronte all’altra, vetro contro vetro, così da evitare possibili rotture dovute ad urti.
La plastica a bolle deve essere delle stesse dimensioni del quadro, l’imballaggio deve avvenire con il vetro del quadro rivolto verso il basso per evitare che si danneggi durante il trasporto. Un’altra cosa che si può fare per stare più tranquilli è ritagliare un pezzo di cartone delle dimensioni del quadro o del vetro e metterlo tra vetro ed imbottitura.
I quadri di dimensioni simili li dobbiamo sistemare uno sopra l’altro, separati da uno strato di plastica, panno o cartone. Impacchettiamo la pila di quadri e fermiamoli con diversi giri di nastro adesivo in ambedue le direzioni per bloccare la pila di quadri. Questo metodo richiede attenzione e comodità. Sarà bene poter fare tutto su un piano di lavoro appropriato, che sia un tavolo grande dove poter sistemare i quadri che vanno imballati.
Prima di imballare i quadri è bene passare sul retro dell’antitarme, se non li togli subito dall’imballaggio.
Un altro accorgimento, prima di imballare i quadri devi spolverare le cornici e passare anche lì l’antitarme con un pennello, sul lato non verniciato e fare asciugare per un po’ di tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *