Quando potare le rose?

rosa rossa

rosa rossaLa potatura delle rose è una di quelle operazioni che prima di essere eseguita richiede l’osservanza di alcune apposite regole. Il motivo è evidente: bisogna prestare attenzione a non danneggiare la pianta.

Infatti, se la potatura non viene eseguita correttamente, si potranno, ad esempio, tagliare i rami sbagliati.

La potatura delle rose va fatta in vista della stagione invernale, esattamente quando la pianta mostra il fiorire delle prime gemme. Di solito viene effettuata nei mesi di gennaio e febbraio.

Innanzitutto bisogna eliminare tutti i rami ed i fiori secchi.

A questo punto occorre munirsi di cesoie e di un segaccio, quest’ultimo molto comodo per eliminare i rami più folti e grossi.

Dopo aver scelto quali rami tagliare, ricordarsi che i  fusti più vecchi vanno tagliati direttamente dalla base, prestando attenzione a non eliminare quelli “nuovi” e più giovani.

Ricordare sempre che l’operazione di taglio va effettuata solitamente al di sopra della seconda gemma, adoperando tutti gli attrezzi in precedenza indicati ed opportunamente disinfettati.

In ogni caso occorre sottolineare che ogni pianta di rose ha delle proprie regole da seguire. Tanto per fare un esempio, la potatura delle rose a cespuglio richiede dei tagli più energici, mentre quella dei rosai di rampicanti segue altre regole, come ad esempio di non potarli prima dell’arrivo del grande freddo e del gelo invernale. Ogni tipologia di rose ha proprie caratteristiche.

Naturalmente bisogna evidenziare che se si noteranno dei rami o fiori secchi, non si dovrà aspettare il periodo di potatura in precedenza indicato, ma potranno essere eliminati in qualsiasi momento.

Ricordarsi che per assicurare una bella fioritura è consigliato aggiungere del fertilizzante, indicativamente ogni due settimane.

Ecco alcuni utili consigli da seguire per compiere la potature delle rose. Buon lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *