Fine anno sopra le attese per Societe Generale

La parte finale d’anno è stata piuttosto convincente per Societe Generale, che è riuscita a portare a casa un utile trimestrale sopra le attese, grazie principalmente al business legato al retail francese. Più contrastanti sono invece i dati sull’intero esercizio, con l’Istituto creditizio francese che ha annunciato di aver chiuso il 2016 con un utile netto in calo del 3,2 per cento rispetto a quanto era riuscito a fare nel precedente 2015, per 3,87 miliardi di euro, ovvero 4,26 euro per azione. Tuttavia, se si escludono le componenti straordinarie, il dato è risultato pari a 4,11 miliardi di euro, con un aumento in questo caso del 15,3 per cento su base annua. Tra gli altri dati di maggiore riferimento nel periodo, spiccano proventi operativi in calo dell’1,3 per cento su base annua a 25,3 miliardi di euro.

Passando dunque allo stato patrimoniale, la società annuncia un coefficiente Common Tier 1 pari all’11,5 per cento, rispetto al 10,9 per cento di fine anno precedente. Sulla base dei risultati riportati, il management ha confermato la propria intenzione di distribuire un dividendo pari a 2,2 euro per azione, con un aumento del 10 per cento rispetto a quanto il top management aveva proposto di distribuire lo scorso esercizio.

Tornando infine al solo quarto trimestre 2016, emerge come l’utile netto abbia superato le attese di consenso, giungendo a un valore pari a 390 milioni di euro, in calo su base annua del 41 per cento, ma comunque superiore ai 315 milioni di euro che erano stimati dal consenso dei principali analisti finanziari. Il risultato finale ha potuto avvantaggiarsi sia dell’aumento degli utili che derivano dalle attività retail in Francia, che da accantonamenti su crediti più contenuti, dallo sviluppo delle attività da trading e dai buoni risultati in alcuni mercati come Russia e Africa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *