Certificati Bianchi come strumento di Sviluppo

energia eolica

energia eolicaI Certificati Bianchi o meglio conosciuti come Titoli di Efficienza energetica sono ad oggi uno strumento finanziario a tutti gli effetti, utilizzato dalle aziende per creare valore monetario dal risparmio energetico ottenuto da uno specifico processo industriale.

L’utilizzo dei Certificati Bianchi ,per remunerare un determinato intervento di efficientamento energetico, è ad oggi uno strumento che può essere utilizzato quasi in ogni ambito, sia nei processi industriali come l’utilizzo di inverter o apparecchiature per recuperare calore, sia a livello civile con l’utilizzo di pannelli solari o stufe a biomassa.

Il grande successo riscontrato da tale strumento stà facendo nascere un universo economico in cui esistono vari attori che vanno ad operare, in primo luogo le famose Esco (Energy service company) che hanno il ruolo di “certificare” un determinato intervento mediante strumenti di analisi e monitoraggio, poi ci sono gli Energy Manager una figura nata all’interno di ogni azienda e preposta al controllo dei processi interni in materia di efficientamento.

La figura dell’Energy Manager svolge ad oggi un ruolo fondamentale per lo sviluppo aziendale, in quanto inevitabilmente lo sviluppo aziendale passa per una fase di ammodernamento tecnologico legato al risparmio energetico ed alla ottimizzazione delle risorse, in tal senso i certificati bianchi sono uno strumento di incentivo e sviluppo formidabile.

Anche le ultime misure varate dal nuovo Governo vertono verso un processo di ammodernamento civile ed industriale orientato all’efficienza, infatti numerosi sono i bandi di gara per sfruttare tetti di edifici pubblici per costruire impianti fotovoltaici o zone sterrate per impiantare pale eoliche; oppure in ambito civile incentivi per sostituire vecchie caldaie a gas con più moderne ed ecologiche caldai a pellet.

Gli incentivi ci sono, le tecnologie anche, esistono tutti i presupposti per puntare ad un eco sistema più pulito e genuino e ridurre l’inquinamento, bisogna solo intensificare questo processo di conversione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *