I nuovi percorsi formativi e le nuove professioni

lavori digitali

lavori digitaliParlando oggi con qualche nonno o nonna delle ‘vecchie’ generazioni, non dovremmo rimanere meravigliati se notiamo una certa confusione nelle loro espressioni mentre gli spieghiamo le caratteristiche dei nuovi indirizzi formativi e professionali. Fino a solo una ventina di anni fa, infatti, alcune professioni oggi ben sviluppate e diffuse erano impensabili. Il mondo si sta evolvendo ad una velocità sempre più alta e, con esso, anche i protagonisti dell’istruzione e del lavoro.

Fino agli anni ‘80/’90 erano conosciuti dalla maggioranza solo gli indirizzi tradizionali come il liceo classico, il liceo linguistico, scientifico, gli istituti professionali e cominciava a diffondersi quello artistico; anche lo scenario professionale attuale è molto diverso da allora e, la causa, non va attribuita solo allo sviluppo del digitale, dei big data e del cloud computing.

Quel che è certo è che molti adulti di oggi, specialmente sopra i 50 anni, fanno spesso molta fatica a confrontarsi con lo scenario lavorativo attuale, tanto che per molti figli sta diventando complicato spiegare ai famigliari adulti e anziani come si guadagnano lo stipendio. Ben un genitore su tre, infatti, fa fatica a capire la reale funzione del lavoro dei propri figli, quando fanno parte di coloro che svolgono le ‘nuove professioni’.

Fra le nuove figure professionali identifichiamo quella del Social Media Manager che, con abilità e grande conoscenza nell’ecosistema digitale, amministra per i clienti i profili social per migliorare la visibilità e l’engagement con il target di riferimento. Molti pensano che sia un lavoro improvvisabile, che non richiede particolari competenze tecniche; tuttavia questa figura necessita di grande esperienza, capacità di gestione delle crisi, creatività e ampia conoscenza del mercato.

Un’altra figura difficilmente comprensibile dalle generazioni più mature è quella dell’ User Interface Designer, che si occupa di affiancare gli sviluppatori di siti web o software, con l’obiettivo di renderli più ‘user friendly’, ovvero accessibili agli utenti meno tecnici.

C’è da dire, comunque, che molti lavori sono nati insieme alla velocissima crescita delle relazioni digitali, della promozione dei valori delle attività di business nel web. Il mondo di internet e della comunicazione vede uno sviluppo costante e cresce a ritmi davvero veloci, quasi frenetici. Ovunque sentiamo parlare di strategie di Digital Marketing, professionisti SEO e SEM, Mobile Marketing, Digital Engagement e chi più ne ha più ne metta.

Alla base delle professioni dei comunicatori digitali c’è, comunque, sempre un grande sostegno da parte di esperti di grafica edi programmazione. Infatti la creazione di immagini di qualità ed elementi tridimensionali, anche animati, è spesso di fondamentale importanza. Oramai sono moltissimi i centri di formazione per persone che vogliono diventare professionisti del settore, come il Corso Revit di 3dMaster Academy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *