La baby sitter: quanto costa alle famiglie italiane?

babysitterPiaccia o no, una buona parte delle famiglie italiane ricorre all’uso delle baby sitter. Già, perchè non tutti hanno la fortuna di avere i nonni, a casa e in pensione, a disposizione. Molto spesso, i genitori si ritrovano a fare staffette lunghe ed estenuanti pur di riuscire a gestire la prole. Alla fine, però, si ricorre ad una baby sitter fidata. Ma quanto può costare?

Una volta, la baby sitter poteva essere la vicina di casa, l’amica del cuore oppure la figlia di alcuni amici. Non veniva chiamata di sicuro baby sitter, e le si dava un piccolo rimborso spese. Oggi, invece, questa figura si sta sempre più affermando nell’immaginario collettivo, e molte famiglie non possono fare a meno di lei.

Le baby sitter, infatti, sono a tutti gli effetti delle mamme a tempo pieno: vanno a prendere i bambini a scuola, li aiutano nei compiti e li fanno giocare. Senza contare quando li portano agli allenamenti di calcio, pallavolo, basket, tennis, catechismo e a tutti i relativi impegni. Insomma, sono delle vere tuttofare.

Come abbiamo ammesso, fino a qualche tempo fa le baby sitter prendevano solo un rimborso spese. In questi ultimi anni, però, la loro tariffa oraria è regolata a livello statale. Ebbene sì: la professione della baby sitter può anche essere regolarizzata.

Dal primo gennaio 2012 è entrata in vigore una tabella specifica suddivisa in 8 fasce (dalla fascia A alla D super) in base al grado di competenza della baby sitter. Non solo, questa tabella regola anche le tariffe orarie: facciamo, quindi, degli esempi concreti.

Una baby sitter che abbia poca esperienza in questo ruolo (meno di 12 mesi), e che necessiti anche di un tutor che l’affianchi appartiene alla fascia A, e la sua tariffa oraria minima sarà pari a 4,33 euro. Al contrario, una baby sitter di grande esperienza, con formazioni specifiche alle spalle, e in grado di gestire anche bambini non autosufficienti, verrà inserita nella fascia D super e avrà una retribuzione oraria minima pari a 7,68 euro.

Insomma, dite addio alla baby sitter-amica e soprattutto low cost: la professionalità, e la sicurezza, di questi tempi si pagano!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *