Come scopro se mi tradisce?

coppia

coppiaOggi l’infedeltà è un costume abbastanza diffuso. Vuoi per noia, vuoi per piacere del proibito, sia uomini sia donne tradiscono con molta leggerezza e senza troppi tanti indugi.

Che sia figlio dell’epoca, il tradimento, non è dato sapere. Nel senso che le testimonianze di chi ha vissuto in altre epoche non rendono molta giustizia alla questione. Le persone anziane vivevano sicuramente in un’altra epoca, quando forse si tradiva ma senza farlo troppo spudoratamente e con un occhio alla decenza.

Le donne perdonavano e gli uomini tornavano sempre da loro, perché la casa era la “chiesa” e in chiesa ci si andava insieme, perché da lì si era usciti insieme. I figli erano da preservare, da proteggere, non si poteva rendere pubblico un tradimento, non ci si poteva neanche divorziare…

Come convivere con quelle menzogne lecite dalla necessaria difesa di un sacramento come quello del matrimonio? Non se ne parlava e basta. La reticenza era probabilmente l’unica consolazione possibile per chi nutriva sospetti e non poteva, tuttavia, far nulla per evitare o per scappare da quella dura realtà.

Probabilmente, come a volte si sente dire ‘il tradimento c’è sempre stato’, perché gli uomini e le donne sono sempre stati gli stessi che sono anche oggi. Cosa è cambiato? Che oggi certe cose si fanno alla luce del sole, si spiattellano in faccia al partner per liberarsene, visto che poi divorziare non è più un tabù. I figli crescono lo stesso e vengono allevati da due genitori che semplicemente non vivono più insieme.

Sicuramente chi subisce un torto come quello del tradimento si trova a dover ingoiare un bel boccone amaro, non sempre atteso. Il marito o la moglie fedifraga, quando non lascia trasparire nulla e rientra in casa come nulla fosse accaduto, conta sul fatto che il proprio matrimonio potrà continuare così, come una unione solida che poggia su solide bugie. Ma capita, ci si ripete, come a voler giustificare una debolezza, una fragilità interiore allevata dai tempi che corrono, un veleno che cresce in seno alla noia, alla quotidianità, alla crisi che sopraggiunge per tutti prima o dopo.

Chi crede nell’unione, però, queste scuse non se le beve, riflette sulla sua dedizione, sull’amore che ancora prova per il marito o la moglie che della scappatella ne ha fatto quasi una cura taumaturgica. E chi subisce deve comprendere, non c’è modo di risolvere la questione. L’alternativa, quando non si tratta di amore, ma di puro sesso, è quella di perdonare se si ama, altrimenti è la fine, della fiducia in una unione che non ha più alcun senso di esistere. Questo dubbio può creare delle perplessità se lasciare o meno la persona che ha tradito.

Come capire se sono stato/a tradito/a? Questa è la domanda che ci si pone più spesso… beh, senza scadere nell’oltraggio al pudore, evitare scenate e paranoie potrebbe essere di gran lunga un rimedio efficace per non impazzire, almeno. Quindi un bel rimedio è quello delle investigazioni private online, un supporto serio che possa far comprendere la gravità del tradimento. Così sarà più semplice capire con chi e cosa abbiamo a che fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *