Bibbia e Corano trasformati in DNA: sembra fantascienza ma è vero

Un adolescente in Francia è riuscito a trascrivere delle parti del libro ebraico della Genesi e del Corano in lingua araba, nel DNA, e le ha iniettate nel suo corpo: un testo in ogni coscia.

Sembra fantascienza, ma è quello che è realmente accaduto ad Adrien Locatelli, uno studente di 16 anni di scuola superiore, che ha postato un documento del 3 dicembre sul sistema operativo del server di prestampa, in cui affermava che è “la prima volta che qualcuno si inietta macromolecole sviluppate a partire da un testo”.

Locatelli, uno studente del collegio Lycée les Eaux Claires di Grenoble, Francia, ha detto a Live Science che non ha bisogno di attrezzature speciali per il suo progetto: “avevo solo bisogno di comprare una soluzione salina e una siringa perché VectorBuilder mi ha inviato liquido e ProteoGenix mi ha inviato polvere”, ha detto a Live Science.

VectorBuilder è un’azienda che crea virus che possono introdurre di nascosto filamenti di DNA nelle cellule per la modificazione genetica. ProteoGenix sintetizza, tra le altre cose, fili di DNA personalizzati. Entrambe le aziende servono principalmente gli scienziati, ma i loro prodotti sono disponibili per chiunque li acquisti.

Insomma, il metodo di Locatelli per tradurre i testi in DNA era semplice, anche se un po’ grezzo. Il DNA codifica le sue informazioni utilizzando stringhe ripetute di quattro nucleotidi, che gli scienziati hanno abbreviato come A, G, T e C. Locatelli ha allineato ogni lettera degli alfabeti ebraico e arabo (che corrispondono strettamente l’uno all’altro) con un nucleotide, così ogni nucleotide ha rappresentato più di una lettera. Quindi, se si dovesse scrivere una frase ebraica usando il suo schema, ogni aleph, vav, yud, yud, nun, tsade, e tav diventerebbe un G. Ogni dalet, khet, ayin, e resh diventerebbe un T. E così via.

Ma è stata una buona idea? Locatelli pensa di sì. “Ho fatto questo esperimento per il simbolo della pace tra religioni e scienza”, ha detto, aggiungendo: “Penso che per una persona religiosa può essere bene iniettarsi il suo testo religioso”. Locatelli ha detto di non aver avuto problemi di salute significativi in seguito alla procedura, anche se ha segnalato qualche “piccola infiammazione” intorno al punto di iniezione sulla coscia sinistra per qualche giorno.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi