Colesterolo cattivo, ecco le nuove linee guida

colesteroloSono arrivate le nuove linee guida sul colesterolo, presentate al congresso della European Society of Cardiology, dove si è ricordato come il colesterolo cattivo, o LDL, sia il più importante fattore di rischio cardiovascolare. Ma in cosa consistono queste nuove linee guida?

Sostanzialmente, le nuove linee sottolineano la necessità, per i pazienti ritenuti ad alto rischio cardiovascolare, di raggiungere un livello LDL di 100 mg per decilitro, con un livello che si deve abbassare a 70 mg per decilitro se il rischio è molto alto, come i pazienti che sono già andati incontro a un attacco di cuore.

Per poter mantenere il colesterolo a livelli discreti, e non incorrere di conseguenza a problemi di salute, è necessario praticare un po’ di attività fisica, seguire uno stile di vita sano e con una corretta alimentazione. Su quest’ultimo fronte, gli esperti consigliano di privilegiare alcuni alimenti che se vengono assunti regolarmente possono tenere a bada tale “nemico”, come i cereali integrali, che evitano picchi glicemici grazie alla presenza di fibre che possono aiutare a ridurre l’assorbimento del colesterolo. Bene anche privilegiare tutti quegli alimenti che provengono dal mondo vegetale, che sono ricchi di fibre e possono dare una mano al nostro organismo.

Insomma, secondo le linee guida, avere un colesterolo LDL tra i 70 e i 100 è fondamentale, e l’assenza di controversie su questo punto sembra confermarlo. Se volete saperne di più, vi consigliamo di consultare il vostro medico di fiducia e, a margine degli esami del sangue, comprendere insieme a lui se la vostra situazione sia ideale o sia opportuno assumere qualche correttivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *