Inventa il modo di non pagare le multe: giovane aiuta molte persone

joshua browderE’ possibile evitare di pagare una multa salata? C’è chi ci è riuscito, ed ha messo a disposizione la propria “sapienza” al servizio degli altri, creando non solo un business, ma una vera e propria opera di “carità” per tutti gli automobilisti. Ecco di chi stiamo parlando.

La storia, curiosa, di Joshua Browder arriva dall’Inghilterra. Il giovane, nonchè semplice studente di informatica, dopo aver collezionato ben 30 sanzioni in un breve lasso di tempo, ha deciso di affrontare la situazione. Ha pensato, quindi, di passare all’azione, e si è inventato un modo molto originale per combattere le ingiustizie stradali.

Prima di tutto, è doveroso premetttere che Joshua non ha utilizzato nessun espediente illegale oppure violento. In sostanza, dopo aver preso quelle 30 sanzioni, si è reso conto di essere stato preso di mira nella zona di Camden a Londra, poco lontano da dove vive. Si è premurato, quindi, di mettere in piedi un servizio on line dedicato agli automobilisti.

Il sito metro.co.uk, a questo proposito, ha ammesso che da quando il servizio di Joshua è stato messo on line, più di 86 mila persone hanno fatto ricorso al suo sito, DoNoPay. Gli utenti, in questo modo, sono riusciti a risparmiare più di 2 milioni e mezzo di euro. Non solo: secondo un recente sondaggio, il 40% degli intervistati è riuscito a vincere il ricorso, ed ha evitato di pagare gli 80 euro di multa.

Joshua, ovviamente, si è sentito molto orgoglioso della sua iniziativa, e al quotidiano on line ha dichiarato: “Sono deluso dal fatto che con le multe prendono di mira i più vulnerabili della società, anziani e disabili…Quando ho iniziato pensavo che solo amici e parenti lo avrebbero utilizzato. Invece ha avuto un impatto enorme”.

Proprio per questo il servizio on line di Joshua potrebbe presto allargarsi al monitoraggio dei parcheggi privati, aiutando in questo modo altre persone indifese e vittime di sanzioni poco consone.  Insomma, questo 2016 è solo all’inizio, ma ci ha già regalato una bella storia di altruismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *