La pressione alta: ci aiuta la natura

ipertensione

L’ipertensione è una problematica che affligge moltissime persone; molto spesso questo disturbo non dà alcun tipo di sintomo, fino a che si aggrava a tal punto da manifestarsi in modo evidente. Molto spesso le persone che ne soffrono tendono ad avere mal di testa, ronzio nelle orecchie, vertigini, sangue dal naso, eccessiva stanchezza. I sintomi della pressione alta di per sé non sono così problematici, se non fosse che, a lungo andare, una pressione arteriosa eccessiva porta a deteriorare il cuore e i vasi sanguigni, aumentando la probabilità di ictus e di attacco cardiaco. La natura ci viene in soccorso con alcuni rimedi contro la pressione alta di comprovata efficacia.

L’ipertensione e la dieta

Anche se in molti casi la pressione alta deriva da cause genetiche ed ereditarie, molto spesso i sintomi di questo disturbo migliorano notevolmente modificando lo stile di vita. Una tra le sostanze maggiormente coinvolte negli innalzamenti di pressione è il sodio, presente naturalmente nel sale da cucina. Il primo suggerimento per chi soffre di pressione alta consiste infatti nel ridurre drasticamente i cibi ricchi di sale, e di sostituire il comune cloruro di sodio, con il cloruro di potassio, che non provoca innalzamento della pressione arteriosa. L’obesità e la vita sedentaria sono altri fattori che possono portare ad un aumento anomalo della pressione, conviene quindi seguire una dieta ipocalorica, povera di grassi saturi e ricca di Omega3. L’attività fisica ha un ruolo importante, soprattutto gli sport con attività aerobica, da praticare almeno 2-3 volte a settimana.

I rimedi naturali contro l’ipertensione

Generalmente che soffre in modo grave di pressione alta è costretto ad assumere dei farmaci per abbassarla; questo tipo di medicine servono anche per preservare il cuore e le arterie, in modo da evitare danni gravi nel corso degli anni. Conviene ricordare che i rimedi naturali contro l’ipertensione, così come la dieta o l’attività fisica regolare, non sostituiscono in alcun modo l’utilizzo di farmaci, ma servono solo per coadiuvarne il funzionamento e migliorare i risultati della terapia. Alcune piante sono utilizzate da millenni per contrastare la pressione alta, come ad esempio l’aglio: crudo o cotto nei cibi, o sotto forma di compressa, l’aglio permette di ristabilire la corretta pressione arteriosa, evitando i picchi eccessivamente elevati. Sono molto utili anche la cipolla, i mirtilli, l’olio d’oliva, il carcadè. Con queste piante si preparano anche tisane e infusi, che hanno funzioni maggiori rispetto al consumo diretto. Si possono utilizzare anche piante diuretiche, come ad esempio i cetrioli, i finocchi, le mele o il tarassaco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *