Notti in bianco, ecco tutte le conseguenze sociali dell’insonnia

Un recente studio condotto da un team di studiosi di Stoccolma ha prodotto un risultato davvero notevole: stando all’analisi, condotta dalla “squadra” di Tina Sundelin, neuroscienziata del Karolinska Institute di Stoccolma e coautrice dello studio pubblicato su The Royal Society Open Science, infatti, chi è stanco e insonnolito a causa di una notte insonne ha il 21% di voglia in meno di avere dei contatti sociali, rispetto a chi invece appare fresco e riposato.

Secondo la ricercatrice, la risposta di questa particolarità potrebbe essere riconducibile a una sorta di meccanismo evolutivo, una pregiudizio istintivo, che si forma molto rapidamente, e che potrebbe derivare da una volontà inconscia di evitare il “contagio” da parte di chi non ci appare perfettamente in salute.

C’è tuttavia anche un’altra interessante spiegazione alternativa. Per gli stessi ricercatori, infatti, in realtà potrebbe non trattarsi di un vero e proprio istinto, bensì di “un meccanismo appreso: più o meno tutti abbiamo imparato, dalle nostre esperienze, che chi appare stanco non sarà un gran partner nelle conversazioni, non sarà interessato a noi e probabilmente ci farà perdere tempo”.

Ad ogni modo, come ben intuibile, quello svedese non è certamente l’unico studio che lancia un vero e proprio allarme per la reputazione sociale delle persone che hanno difficoltà a prendere sonno. Un recente lavoro, pubblicato su Nature Reviews Neuroscience da neuroscienziati della University of California di Berkeley, vede infatti tali individui come persone maggiormente inclini agli sbalzi d’umore, a ostilità verso gli altri e a incursioni nell’aggressività.

Nel dettaglio, tale secondo lavoro mostra come la mancanza di sonno renda iperattiva l’amigdala, il centro cerebrale della paura, rendendo colui che è insonne meno capace di interpretare le espressioni facciali altrui: le altre persone diventano pertanto più ostili di quanto in realtà lo sono…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *