La Toscana e la costa degli Etruschi

populonia

populoniaLa costa degli Etruschi inizia a Livorno e si estende per tutta la costa fino alla località di Populonia. Si tratta di una costa molto suggestiva, dove la brezza marina soffia quasi ininterrottamente e ampie spiagge si fondono con pinete profumate e suggestive. In questa costa c’è molto di Mediterraneo nell’ambientazione, anche se non siamo in questo mare, in quanto la vegetazione lo ricorda molto, così come le acque cristalline che si possono incontrare. Ma la costa degli Etruschi si rivela deliziosa per al sua vicinanza con tanti piccoli e incantevoli borghi della Toscana, che accolgono il viaggiatore in una dimensione nuova, dove il tempo sembra essersi fermato.

La costa degli Etruschi è legata all’entroterra con la strada del vino, ovvero con un paesaggio che si riempie di vigneti, di uliveti e di alberi secolari che qui hanno trovato la gusta dimora, fra una terra fertile e una clima sempre favorevole. Tutti i borghi che costellano la costa si trovano a pochi chilometri dal mare, quindi chi sceglie di vistare la Toscana non può mancare una visita nelle località costiere, per godersi il mare in estate ma anche in ogni altra stagione dell’anno.

La costa degli Etruschi è costellata anche da località termali molto famose, come le storiche terme di Venturina, che si trovano nella Val di Cornia e quelle di Calidario. Si tratta di stabilimenti termali davvero speciali, che all’effetto curativo delle acque termali associano la possibilità di contare su paesaggi splendidi, ricchi di suggestione e a due passi dal mare.

Chi sceglie di visitare queste zone può quindi prendere come punto di partenza un bel bed & breakfast in Toscana (una soluzione ideale perché più conveniente e maggiormente a contatto con la natura) e girare la regione in giornata, in quanto ogni collegamento è semplice ed immediato. La costa degli Etruschi può quindi rappresentare una tappa marina alternativa, per gustare i profumi del mare e fare un bel bagno nel mare blu e frizzante della costa Toscana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *