Home Blog Page 2

Blefaroplastica: cosa sapere prima di sottoporsi a questo intervento

doctor698-1-prensalatina

La blefaroplastica, nota comunemente anche come chirurgia estetica della palpebra, rappresenta una procedura che serve a correggere alcuni difetti particolari degli occhi come le palpebre superiori cadenti oppure le borse di grasso o quelle occhiaie che rendono uno sguardo affaticato invecchiando anche la fisionomia del viso e, talvolta, interferendo con la vista.

Tumori: quali uccidono di più gli italiani?

surgery-2058088_960_720

Esistono moltissime tipologie di cancro, alcune curabili facilmente, altre per le quali le borse di studio per la ricerca contro il cancro offerte dai centri come l’istituto Lombroso hanno fatto miracoli, alcune ancora letali. Fra queste vi sono i responsabili di molte fra le morti causate da malattie oncologiche.

Secondo alcuni dati, in Italia ogni anno perdono la vita a causa di un tumore aggressivo circa 500 persone al giorno per un totale di circa 180.000 decessi. Le tipologie di cancro uccidono maggiormente sono:

  • cancro al polmone;
  • cancro al colon-retto;
  • cancro alla mammella;
  • cancro al pancreas;
  • cancro al fegato.

Il tumore al polmone

Il tumore al polmone è il cancro che uccide di più in assoluto. Si stima che lo scorso anno ci siano state più di 40.000 diagnosi di tumore al polmone. Il fattore di rischio principale per questa neoplasia così aggressiva è il fumo di sigaretta e non vanno sottovalutati anche il fumo passivo, fattori ambientali e l’esposizione a sostanze tossiche.

Il tumore al colon-retto

Il tumore al colon-retto è la seconda causa di morte per cancro specialmente negli uomini. Fra i fattori di rischio vi sono: presenza di lesioni precancerose che si evolvono in cancro; stile di vita non salutare con sedentarietà e dieta ricca di carne rossa e insaccati. Fumo e alcol incidono sulla sua formazione, come anche i fattori genetici e le patologie a carico dell’intestino.

Il tumore alla mammella

Il tumore mammario è la forma tumorale più letale per le donne. Come fattori di rischio si evidenziano: età; mancato allattamento, gravidanze tardive; menarca precoce con un lungo periodo di fertilità; metabolismo e alimentazione; ormoni; genetica e molto altro ancora.

Il tumore al pancreas

Il tumore al pancreas è uno dei più temuti per il suo tasso di sopravvivenza basso e colpisce più donne che uomini. Fra i fattori di rischio conosciuti ci sono il fumo, l’obesità, il diabete, determinate malattie genetiche rare e familiarità.

Il tumore al fegato

Il tumore al fegato, quinto come malattia oncologica letale, uccide maggiormente gli uomini ed è considerato uno dei più “enigmatici”, in quanto, come sottolineato dall’AIRC (l’Associazione Italiana Ricerca sul Cancro), c’è ancora poca chiarezza per quanto riguarda i meccanismi con i quali si sviluppa. Comunque sono noti alcuni dei fattori di rischio quali ad esempio obesità, cirrosi epatica; infezioni croniche portate dai virus dell’epatite; fumo di sigaretta e le malattie genetiche.

5 Errori comuni che si commettono in cucina

italian-cuisine-2378729_1920

Secondo i più grandi chef al mondo non esistono persone negate in cucina ma solo persone che non sanno cucinare. Questa differenza è molto sottile contrariamente a quanto si potrebbe pensare e per questo abbiamo pensato di mettere nero su bianco i cinque errori comuni che si commettono in cucina e che sono la ragione per cui le ricette sono destinate a fallire. Se ne commetti anche uno di questi, nessun problema! Puoi sempre rimediare! Ecco come.

1. L’importanza dei giusti strumenti

Gli strumenti giusti sono il 50% di un buon piatto in cucina. Non è un caso se le ricette specificano espressamente quali utensili e padelle devi utilizzare per un determinato procedimento. Quindi quando ti viene chiesto di saltare le verdure in una Wok o di sfumare la cottura in una pentola per paella, con molta probabilità il piatto è destinato a fallire se usi una padella differente. Se vuoi realizzare ottimi manicaretti e migliorare le tue abilità in cucina datti allo shopping e dai un’occhiata sul sito padelleincucina.com il punto di riferimento in Italia per gli utensili da cucina. Vedrai che usando gli utensili raccomandati noterai un netto miglioramento.

2. Devi seguire alla lettera le ricette

Un altro errore molto diffuso è quello di cambiare a piacimento dosi e ingredienti solo perché non si hanno a disposizione. Purtroppo per te che sei solito rimpiazzare burro con olio o latte con olio di semi sappi che questa abitudine renderà le tue ricette “sbagliate”. Il motivo? A meno che tu non sia un grande chef stellato devi sapere che gli ingredienti e le relative quantità sono calibrate per innescare precise reazioni chimiche che rendono la pietanza deliziosa. Cambiare gli ingredienti è possibile ma solo conoscendo come questi reagiscono alla cottura e all’amalgama e comunque imparando a dosare le giuste proporzioni.

3. La bilancia è tua amica

Questo errore è collegato a quello precedente e si riferisce ai pigri che preferiscono cucinare a occhio. L’abitudine di saper riconoscere i quantitativi degli ingredienti appartiene solo a chi ha alle spalle molti anni di pratica e ci vuole tempo per acquisirla. Per chi non ha esperienza conviene sempre fare affidamento ad una bilancia che, in molti casi, è la principale responsabile della buona riuscita di una ricetta.

4. Il metodo di cottura conta

C’è poi la questione della cottura che, come avrai notato, è specificata in ogni ricetta. Un forno statico ha un diverso effetto dal forno ventilato così come la cottura a fuoco lento garantisce un risultato molto diverso della cottura a fiamma viva. Inoltre cuocere un alimento al coperto è un conto e farlo senza coperchio è un altro.

5. Pulizia e ordine

Un piano cottura sporco darà vita ad un piatto altrettanto sporco. L’ultimo consiglio che vogliamo darti riguarda proprio l’organizzazione della cucina. Quando ti appresti a preparare una nuova ricetta dovrai prima preparare tutti gli ingredienti davanti a te, divisi per ciotoline. Questa attività non deve essere compiuta mentre la padella è già sul fuoco perché altrimenti potresti rischiare di far bruciare ciò che è in cottura mentre sei impegnato a preparare il resto. Assicurati che il piano sia ordinato e pulito e inizia a cucinare solo quando avrai preparato tutto l’occorrente: vedrai che miglioramenti!

La Thailandia offre pacchetti di quarantena di lusso

sea-4087021__340

sea-4087021__340La Thailandia sta permettendo a cinque hotel di Bangkok di offrire pacchetti di isolamento di lusso come alternativa alla quarantena di 14 giorni finanziata dal governo per i viaggiatori di ritorno.

Ai voli passeggeri internazionali è infatti stato vietato l’ingresso in Thailandia fino alla fine di giugno, ma il governo ha noleggiato dei voli per rimpatriare i cittadini che sono rimasti bloccati all’estero a causa della crisi del coronavirus.

Coronavirus, quanto rischia il settore finanziario

Come ricordava una recente nota pubblicata da Reuters, la Federal Reserve statunitense ha avvertito venerdì scorso che il settore finanziario si trova ad affrontare vulnerabilità “significative” a causa della pandemia di coronavirus, in quanto le imprese e le famiglie si trovano a dover far fronte a finanze fragili nel prossimo futuro.

Nel suo ultimo dossier sulla stabilità finanziaria, dunque, la Fed ha affermato che la pandemia globale ha imposto rischi radicali. Sebbene le azioni politiche della Fed e di altri hanno contribuito a sostenere l’economia, e il sistema bancario ha resistito alla crisi iniziale, il report ha messo in guardia contro i rischi maggiori se la pandemia si dovesse rivelare lunga o più grave del previsto.

3 signature-962355_960_720

Disdire un contratto? Non è sempre facile come sembra

Disdire un contratto, che sia esso di telefonia, fornitura energetica o di qualsiasi altro servizio, è un’azione che teoricamente rientra a pieno tra i...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi