Siepi da giardino: le migliori specie arboree e la giusta distanza dal confine

siepe

La scelta della siepe deve essere effettuata con la massima attenzione, tenendo conto delle dimensioni e della fisionomia del giardino, delle necessità pratiche, dell’orientamento dell’abitazione e della resa estetica che si desidera ottenere. Nel caso di un’errata collocazione delle piante, la correzione potrebbe essere non solo difficoltosa ma anche estremamente dispendiosa.

C’è chi ricorre all’uso della siepe per preservare la propria privacy e riparare il giardino da sguardi esterni, per mimetizzare un muro danneggiato o, semplicemente, per ornamento, incrementando notevolmente il valore estetico del giardino.

Le siepi di protezione sono generalmente composte da essenze sempreverdi. Tra le più comuni nella famiglia delle conifere possiamo trovare la thuja ed il cipresso di Leyland, che rimangono verdi durante tutto l’anno, formando dei veri e propri muri impenetrabili ed estremamente folti. Tenete presente che più è folta una varietà arborea, meno piante avrete bisogno di impiantare. 

Per quanto riguarda le latifoglie, invece, tra le migliori tipologie segnaliamo la photinia, di un bel colore rosso acceso, il lauroceraso e l’alloro. Alcune siepi prevedono l’accostamento di specie arboree e varietà da fiore, come fiori di lillà, caprifoglio e fior d’angelo. Tra le migliori specie spinose, utili per realizzare siepi da difesa, segnaliamo l’agrifoglio e l’olivello spinoso. 

A che distanza dal confine è opportuno piantare la siepe? L’articolo 892 del Codice Civile fornisce indicazioni dettagliate sullo spazio che, per legge, deve intercorrere tra le siepi ed i limiti delle proprietà, per garantire ai proprietari del fondo confinante il diritto ad un’inalterata fruizione di aria, luce ed irraggiamento solare. La distanza minima da rispettare è compresa tra i cinquanta centimetri ed i tre metri, a seconda delle dimensioni delle specie vegetali. Nello specifico, la distanza minima da rispettare è pari a tre metri per gli alberi di alto fusto, ad un metro e mezzo per gli alberi di non alto fusto ed a mezzo metro per le viti, gli arbusti e le siepi vive. È doveroso precisare che la corretta distanza della pianta dal confine non si misura come proiezione della chioma ma come distanza a partire dal punto di semina.

Costituite prevalentemente da specie vegetali arboree ed arbustive, le siepi da giardino richiedono un frequente intervento umano per conservare una certa linearità. Il controllo della crescita della siepe e, soprattutto, dell’accrescimento laterale richiede una costante opera di manutenzione, a maggior ragione se la siepe è composta da elementi tridimensionali elaborati. Per ulteriori informazioni su come organizzare al meglio la manutenzione della siepe e come attrezzarsi per la potatura rimandiamo alla seguente pagina: www.verdegarden.it/macchine-da-giardino/motoseghe/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *