Migliorano i dati M3 in area euro

Stando agli ultimi aggiornamenti statistici pubblicati, in area euro la dinamica di M3 è salita al 5,0 per cento anno su anno nel corso del mese di maggio, migliorando leggermente rispetto al dato precedente di 4,9 per cento anno su anno risalente al mese scorso, e contrariamente a quelle che erano delle previsioni di rallentamento formulate da una buona parte degli analisti economico finanziari.

Tra gli altri spunti statistici, è emerso altresì come la media mobile a tre mesi sia cresciuta al 5,1 per cento anno su anno da un precedente 5,0 per cento anno su anno. In particolare – sottolineava un commento ISP immediatamente dopo la pubblicazione degli ultimi aggiornamenti relativi alla dinamica in questione, sarebbero stati gli strumenti di mercato monetario ad accelerare a +3,1 per cento contro il precedente dato di +1.7 per cento anno su anno.

Ulteriormente, emerge come tra le controparti di M3, abbiano compiuto una buona accelerazione i prestiti alle famiglie (2,7 per cento da 2,6 per cento) e i prestiti alle imprese mantengono il passo del mese precedente (1,6 per cento). La dinamica degli aggregati monetari dovrebbe essere ancora sostenuta dalle condizioni finanziarie accomodanti.

Nella stessa giornata, rileviamo come il Ministero dell’Economia e delle Finanze abbia collocato BOT semestrali per complessivi 6,75 miliardi di euro. Anche in questo caso la domanda si è confermata sovrabbondante, con un rapporto rispetto all’offerta pari a 1,54x. Il rendimento medio è stato negativo per -0,372 per cento. Sul mercato secondario notiamo invece l’evoluzione di rendimenti leggermente in salita sulle scadenze lunghe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *