SoundHound, cos’è e come funziona

Come probabilmente sa la maggior parte degli utenti – considerato che stiamo parlando di un settore di app che è cresciuto tantissimo nel corso degli ultimi anni – sia negli store di Android che in quelli iOS (cioè, per iPhone) sono molte le app che ambiscono a dare all’utente l’esperienza di poter riconoscere un brano musicale in pochi secondi.

Ebbene, in questo scenario in continua evoluzione e innovazione, SoundHound è sicuramente una delle migliori, poiché non si limita a individuare il titolo del pezzo, come fa la maggior parte delle app concorrenti, ma il più delle volte riesce a riconoscere il contenuto del brano anche se lo stiamo solo canticchiando, e in pochi secondi consente altresì di riascoltarlo nella sua versione originale e anche di visualizzarne i testi. Insomma, si tratta di una vera e propria app definitiva per chi è alla ricerca di questo genere di funzionalità, che in molti casi hanno quasi del miracoloso, visto e considerato che il tasso di efficienza è davvero altissimo, ed è in grado di far restare esterrefatti anche i più ambiziosi.

Peraltro, la qualità di questa app è testimoniata dalle oltre 300 milioni di persone che l’hanno già scaricata, e ne hanno apprezzato tutte le opzioni di utilizzo. Per esempio, per sfruttare tutte le funzioni non è nemmeno necessario registrarsi… un’operazione comunque consigliata, visto e considerato che creando un proprio profilo è possibile salvare tutte le ricerche effettuate in precedenza.

Detto ciò, una volta che SoundHound ha individuato il proprio brano da riprodurre, per poterlo fare si appoggia a servizi terzi come YouTube oppure Spotify. Invece, la riproduzione dei testi avviene internamente all’app.

A titolo informativo, inoltre, per ogni interprete identificato attraverso il proprio algoritmo viene visualizzata anche la discografia con tanto di recensione dell’album e possibilità di acquistarlo dal Play Store di Google. Ne deriva che SoundHound, anche da questo punto di vista, si propone come un servizio davvero completo, che consentirà di poter sfruttare tutte le principali derivazioni della propria ambizione musicale: individua il pezzo, ci permette di ascoltarlo o, se vogliamo, di comprarlo.

Tra le altre funzioni, un breve cenno al fatto che nella sezione Classifiche sarà possibile ascoltare i brani più gettonati della settimana in Italia, in Europa e nel Mondo e allo stesso tempo di vedere anche il video-clip del brano in un piccolo riquadro all’interno dell’applicazione.

L’unica pecca? C’è un bel po’ di pubblicità. Se non la desideri dovrai sottoscrivere un abbonamento alla versione Pro pagando 5,49 euro una tantum.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *