Home Consigli utili Come cambia il commercio online in Italia

Come cambia il commercio online in Italia

payment-4334491_1920

Il 2020 è stato un anno incredibile, che in futuro continueremo a ricordare per svariati eventi, la gran parte dei quali non propriamente positivi. Un miglioramento netto si è avuto però in uno specifico settore: quello dell’e-commerce. Non solo si è avuto un generale aumento del fatturato globale dei negozi online, ma numerosi nuovi attori si sono affacciati sulla scena, ottenendo interessanti traguardi.

Quali settori sono in crescita

Effettuando un confronto con il 2019, nel corso del 2020 tutti i settori del commercio elettronico hanno mostrato un aumento del fatturato globale. Se si considera che la pandemia da coronavirus ha portato a una generale diminuzione dei consumi da parte di tutti gli italiani, si tratta di una situazione quasi paradossale. Alcuni settori si sono confermati, come ad esempio quello dell’elettronica e dell’abbigliamento. Per altro da vari anni sono disponibili e-commerce che offrono questo tipo di prodotti a prezzi interessanti e offrendo una varietà di scelta impossibile altrove. Negozi come Shapestore.it, uno dei migliori eCommerce di abbigliamento presenti in Italia, offrono capi alla moda e dei migliori brand, si comprende facilmente perché riesce ad attirare un ampio numero di clienti.

I settori che stupiscono

Ci sono poi dei settori emergenti, che hanno dimostrato di poter competere con quelli che raccolgono il maggior fatturato in percentuale. Si pensi ad esempio all’ambito degli alimentari e dei prodotti per la casa. Se in passato online si vendevano soprattutto mobili e software, oggi l’italiano medio accede a internet anche per ordinare la cena, acquistare frutta e verdura per tutta la famiglia e fare la spesa. In passato questo tipo di proposta non solo non era particolarmente apprezzata, ma erano anche pochi gli shop che offrivano tale opportunità. Oggi invece si ha l’imbarazzo della scelta, grazie soprattutto ai piccoli produttori e ai negozi di quartiere. Certo, la GDO offre sempre più servizi online, compresa la possibilità di fare l’intera spesa sul sito, per poi riceverla a casa. Un aumento di oltre il 50% del fatturato, mostrato nel 2020 dagli e-commerce che offrono alimentari e prodotti per la casa, è ottenuto anche grazie alle piccole realtà.

I perché del cambiamento

Sono varie le motivazioni che hanno spinto gli italiani a fare più acquisti online, ma anche un elevato numero di aziende a presentarsi in rete. Ovviamente la pandemia ha avuto un ruolo importante in questi fenomeni, soprattutto a causa dei lock down. Se non si può uscire di casa si cerca di approfittare dei servizi disponibili, come ad esempio le consegne online di alimentari e prodotti per la casa. Guardando la cosa dal punto di vista del piccolo negozio la questione non cambia molto: se i miei clienti non possono entrare in negozio, cercherò di proporre loro il servizio a domicilio. Il rischio altrimenti è quello di rimanere chiusi e senza clienti. I social hanno poi dato una mano al processo, in senso generale. Attraverso i social più frequentati il piccolo negozio di quartiere si può mettere facilmente in contatto con i propri clienti, offrendo loro il servizio di delivery, ma anche proponendo gli affari del giorno.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here